Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

L’accusa della profanazione dell’ostia in un dipinto del ‘400 e l’attività feneratizia in Urbino